27 maggio 2022, ore 17.00 ONLINE

Raffaele Panella. Autoritratto di una generazione (1920-1950). Professori di Composizione della Facoltà di Architettura della Sapienza | Orazio Carpenzano

Video

Sergio Pace (Referente del Rettore per i Servizi Bibliotecari, Bibliografici e Museali, Politecnico di Torino)Lucio Barbera (Università degli Studi di Roma "La Sapienza")Renato Bocchi (Università IUAV di Venezia), Bruno Panella (Politecnico di Torino), Clementina Panella (Università degli Studi di Roma "La Sapienza") e Cesare Tocci (Politecnico di Torino)
dialogano con Orazio Carpenzano, autore di:

"Raffaele Panella. Autoritratto di una generazione (1920-1950). Professori di Composizione della Facoltà di Architettura della Sapienza"

(LetteraVentidue, Siracusa 2021, ISBN 978-88-6242-564-3)

 

Raffaele Panella (1937-2016) è stato tra i protagonisti della cultura architettonica italiana, e romana in particolare, del secondo dopoguerra. Ha studiato architettura a Napoli dal 1955 al 1959 e a Venezia dal 1959: qui si è laureato nel 1963. Assistente volontario di Giuseppe Samonà dal 1970, ha insegnato allo Iuav come professore incaricato dal 1971 e come professore ordinario di Composizione Architettonica e Urbana dal 1980. Dal 1983 al 2011 ha proseguito il suo percorso accademico all’Università di Roma “La Sapienza”, dove è stato direttore del Dipartimento di Architettura e Analisi della città dal 1993 al 2000. La sua attività di ricerca si è svolta integrando l’esercizio progettuale, il confronto con le istituzioni, i lavori a stampa e l’impegno editoriale. Lo studio e l’analisi della città storica e contemporanea, fin dalle prime ricerche veneziane del Gruppo Architettura, hanno dato sostanza alle sperimentazioni condotte sull’architettura dei servizi urbani moderni (scuole, università, centri di ricerca, spazi pubblici e residenziali) e alle loro relazioni con la città. In parallelo, Panella ha condotto approfondimenti metodologici sulla riqualificazione e sulla conservazione delle città storiche. Particolare rilievo e continuità ha avuto la sua ricerca sull’area archeologica centrale di Roma, raccolta nel volume Roma la città dei Fori. Progetto di sistemazione dell’area archeologica tra piazza Venezia e il Colosseo (2013).