H2020 in sintesi...

Dove, quando e come depositare una pubblicazione

  • I paper vanno depositati su repository istituzionale o specialistico (Researchgate e Academia.edu non rientrano in questa tipologia) entro 6 mesi (ambito STM) o 12 (ambito SSH) dalla data di pubblicazione
  • La versione che può essere depositata è quella editoriale o l'accepted manuscript (cioè il  postprint draft o versione finale dell’autore post-refereeing ma senza layout editoriale).
  • Nella fase di descrizione della pubblicazione  è prevista la compilazione di alcuni campi :

-         Riferimento “European Union (EU) “ and “Horizon 2020”

-         Il nome, il numero e l’acronimo del progetto

-         La data di pubblicazione e la durata del periodo di embargo

-         Un identificatore persistente (es. DOI / ISBN)

 Scelta dell'editore e iter

Il ricercatore ha autonomia di scelta:

  • può sottoporre il proprio paper ad un editore OA 
  • può rivolgersi ad un editore che gli consenta, preferibilmente, il deposito immediato o con embargo entro i 6 (STM) /12  (SSH) mesi dalla data di pubblicazione 

Sherpa Romeo ha stilato una lista di editori che consente il deposito della versione editoriale

Di seguito una lista di alcuni editori che consentono il deposito della versione postprint draft application/vnd.openxmlformats-officedocument.wordprocessingml.document (17,44 kB) rispettando i vincoli richiesti

Se l'editore è già stato scelto e, in particolare, se non ha una policy  sull'OA conforme a quanto richiesto da Horizon 2020

 In caso di rifiuto dell'editore

  •  informare il proprio EC project officer fornendogli copia scritta del rifiuto dell’editore

I dati associati alle pubblicazioni scientifiche

Dal 2017 (prima era richiesto ma non obbligatorio) i research data dovranno essere OA (eccetto motivati casi di opting out).

Possono essere depositati nel repository Zenodo con licenze di tipo aperto (CC0 o CC by)

Il DMP

E' un documento formale che indica come trattare i dati sia durante la ricerca che a progetto concluso. Una prima versione va inviata entro i primi sei mesi del progetto ed aggiornata in itinere.

Per poter redigere un DMP esiste, a disposizione dei ricercatori, un tool utilizzabile al link:http://www.dcc.ac.uk/dmponline

© Politecnico di Torino - Credits