Come ottemperare alle richieste relative all’open access

Metadati obbligatori

Nella fase di descrizione della pubblicazione è prevista la compilazione di alcuni campi :

  •   Riferimento “European Union (EU) “ and “Horizon 2020”
  •   Il nome, il numero e l’acronimo del progetto
  •   La data di pubblicazione e la durata del periodo di embargo
  •   Un identificatore persistente (es. DOI / ISBN)

 Lo scopo di questa richiesta è di trovare  più facilmente le pubblicazioni legate ad H2020 per permettere che  Horizon 2020 sia monitorato, possano essere elaborate delle statistiche e verificato l’impatto del programma.

Dove  e quando depositare le pubblicazioni

Come indicato nella sezione 29.2 del Grant Agreement, le pubblicazioni devono essere depositate su un repository istituzionale al più presto possibile o almeno entro 6 mesi dalla data ufficiale di pubblicazione (per l'ambito STM) e 12 mesi (per l'ambito SSH). In caso di riviste open access il paper va caricato al momento della pubblicazione. 

Non è sufficiente che le pubblicazioni siano presenti sul sito del progetto o sul sito dell'editore nel caso siano state pubblicate in accesso aperto.

La non conformità può portare ad una riduzione delle sovvenzioni e potenziali sanzioni  (General Grant Agreement Sez.  29.6 Consequences of non-compliance)

Non è possibile depositare le proprie pubblicazioni su repository che pretendano diritti su pubblicazioni depositate e ne limitino l'accesso (es.  Academia.edu e Researchgate). Nelle Guidelines on the Implementation of Open Access to Scientific Publications and Research Data si legge: “…Venues such as Research Gate or Academia.edu that require users to register in order to access content do not count as repositories…”

Le differenze tra repository istituzionali e  i  social network (repository commerciali/non istituzionali) sono state ben evidenziate nell’interessante articolo scritto dall’Office of Scholarly Communication dell’Università della California 

Cosa depositare  

La pubblicazione scientifica  predominante è l’articolo pubblicato in una rivista scientifica, ma i tutti beneficiari del grant sono caldamente invitati a fornire l’accesso aperto ad ogni tipo di pubblicazione:

  • libri
  • atti di convegno
  • letteratura grigia (report)

Per quanto riguarda gli articoli è possibile depositare sia la versione editoriale che l’accepted manuscript  o postprint draft (versione finale dell’autore post-refereeing ma senza layout editoriale: numerazione delle pagine, indicazione del prezzo e logo).

Se un paper è frutto di una ricerca finanziata  col programma di Horizon 2020, l’autore è tenuto ad ottemperare alle richieste della CE in materia di Open Access: può pubblicare con un editore OA optando per  la cosiddetta "Gold Road" o seguire la "Green Road" scegliendo un editore che consenta di depositare le proprie pubblicazioni su repository, esattamente come richiesto da ERC. In ogni caso l’autore è tenuto ad informare l’editore di essere sottoposto al vincolo del deposito ad accesso aperto come obbligo derivante dal progetto H2020

 

Scelta dell'editore e iter

Se il paper non è stato ancora sottoposto ad un editore :

in questa fase è ancora l’autore a detenere i diritti di copyright ed è quindi importante che agisca consapevolmente prima di cederli all'editore.

E' caldamente consigliabile pubblicare con editori favorevoli all'open access o che consentano il deposito del post print nei termini richiesti; ricordarsi che, in caso contrario, è prevista la decurtazione del finanziamento in fase di rendicontazione finale.

L'autore può sottomettere  l’articolo:

  • ad un editore OA 
  • ad un editore green con una policy che consenta il deposito su repository istituzionale  entro 6 mesi per l'ambito STM e 12 per quello SSH.

Sherpa Romeo ha stilato una lista di editori che consente il deposito della versione editoriale

Di seguito una lista di alcuni editori che consentono il deposito della versione postprint draft application/vnd.openxmlformats-officedocument.wordprocessingml.document (17,44 kB) rispettando i vincoli richiesti

 

Se il paper è già stato sottoposto ad un editore:

  • bisogna informare l'editore che l’autore è tenuto ad ottemperare alle richieste della CE in materia di Open Access 
  • Nel caso in cui l'editore richieda un periodo di embargo superiore ai 6 mesi nelle discipline STM e superiore ai 12 mesi per le discipline SSH o non abbia una policy favorevole all'open access, la Commissione  ha elaborato una richiesta (eventuale ulteriore modello di lettera  application/msword (29,00 kB)per i ricercatori del Politecnico) che il corresponding author potrà sottoporre all'editore al fine di trovare un accordo tra le due parti  

Se  l'editore si rifiuta di conformarsi alle richieste della CE:

  • il coordinatore del progetto dovrà  informare il project officer, mettendo in cc RTD-OPEN-ACCESS@ec.europa.eu,  della risposta negativa dell'editore nonostante i tentativi fatti, allegando la relativa corrispondenza.

La stessa prassi dovrà essere seguita anche nell'eventualità in cui, mancando altre riviste peer reviewed di pari qualità, non si disponga di fondi per pubblicare sulla rivista scelta ad accesso aperto pagando la fee (per. es. a progetto finito, oppure in caso di esaurimento del budget destinato alle pubblicazioni prodotte durante il progetto)

Per informazioni più dettagliate:

https://www.openaire.eu/copyright-issues

https://www.openaire.eu/support/faq

© Politecnico di Torino - Credits